Concorso fotografico EYES PHOTO MARATHON

REGOLAMENTO EYES PHOTO MARATHON 2022

Concorso fotografico che si terrà a San Felice sul Panaro (MO)  domenica 22 maggio 2022

Art. 1

Presentazione

Nell’ambito degli eventi organizzati per la commemorazione del decennale del sisma 2012, il Photoclub Eyes E.F.I. con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e di FIAF Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, in collaborazione con il Comune di San Felice sul Panaro, con la PRO LOCO e con le Botteghe di San Felice, organizza la: EYES PHOTO MARATHON

Art. 2

Partecipazione

Il concorso è aperto a tutti.

Art. 3

Modalità di iscrizione e partecipazione

L’iscrizione e la partecipazione alla maratona fotografica potrà essere effettuata sul posto il giorno stesso del concorso a partire dalle ore 9.30 presso PALA ROUND TABLE di San Felice sul Panaro (MO) Piazza Italia n.500.

Art. 4

Costi di iscrizione

Il costo di partecipazione è di € 10,00.

Sono previsti sconti agli associati FIAF, la quota è ridotta ad € 8,00 e l’iscrizione per i minorenni è gratuita ma occorre la firma di un genitore.

Art. 5

Modalità di svolgimento

La Eyes Photo Marathon è un concorso fotografico che si svolgerà domenica 22 maggio 2022 a San Felice sul Panaro (MO), dalle ore 10.00 alle ore 18.00.

Il ritrovo è previsto presso: 

PALA ROUND TABLE di San Felice sul Panaro (MO) Piazza Italia 500 dalle ore 9.30.

I partecipanti avranno a disposizione un massimo di 8 ore di tempo per interpretare i 6 temi assegnati dalla Giuria. I partecipanti, alla scadenza prevista, potranno consegnare una sola fotografia per ciascun tema assegnato.

Sono ammesse alla Eyes Photo Marathon immagini scattate con qualsiasi apparecchio digitale (anche smartphone).

La Giuria si riserva la facoltà di modificare il numero dei temi e delle fotografie da consegnare. Tali modifiche potranno essere comunicate anche il giorno di svolgimento della Photo Marathon.

Le immagini presentate per il concorso dovranno essere state scattate esclusivamente all’interno della Eyes Photo Marathon, ovvero nel giorno e negli orari in cui si svolgerà la maratona, pena l’esclusione dal concorso.

Art. 6

Temi

I primi tre temi della Photo Marathon saranno comunicati alle ore 10.00 del giorno fissato per la gara.

I temi successivi saranno comunicati alle ore 14.00 dello stesso giorno.

La comunicazione dei temi avverrà presso la sede della manifestazione. I temi potranno essere svolti in qualsiasi ordine nelle otto ore della manifestazione.

Art. 7

Caratteristiche tecniche delle fotografie

Le immagini non devono contenere bordi di qualsiasi colore o forma, firme o loghi identificativi, il nome del partecipante sotto forma di watermark digitale, firma apposta sulla fotografia od altro segno univoco di riconoscimento. Non devono essere elaborate con programmi di fotoritocco o procedimenti off-camera.

Caratteristiche del file:

  • formato JPEG senza compressione e alla massima dimensione

Le fotografie digitali inviate dovranno essere esclusivamente in formato JPG, nelle dimensioni massime consentite dall’apparecchio utilizzato, e complete di tutti i dati EXIF originali dello scatto, pena l’esclusione dal concorso. Ogni partecipante dovrà comunque conservare gli originali in Raw o JPG, di cui la Giuria si riserva di richiedere visione.

Art. 8

Consegna delle fotografie

Ogni autore può partecipare con una sola immagine per ogni tema che dovrà selezionare prima della consegna dei file. La consegna dei file delle fotografie dovrà essere effettuata in formato digitale entro le ore 17.59 di domenica 22 maggio 2022 presso la sede dell’organizzazione al PALA ROUND TABLE di San Felice sul Panaro (MO) Piazza Italia n.500.

Art. 9

Copyright

Presentando le opere per la partecipazione al concorso, il concorrente implicitamente dichiara sotto la propria responsabilità:

– di essere l’autore dell’opera e di possedere tutti i diritti sull’opera;

– che l’opera non lede alcun diritto di terzi e non viola nessuna legge vigente;

– dichiara e garantisce inoltre di essere titolare di ogni diritto morale e patrimoniale d’autore sull’opera;

– in ogni caso l’autore solleva l’organizzazione da tutte le responsabilità, costi e oneri di qualsivoglia natura che dovessero essere sostenuti a causa del contenuto dell’opera;

– di concedere al Photoclub Eyes E.F.I. una licenza d’uso completa, non esclusiva, irrevocabile, a tempo indeterminato e del tutto gratuita. Il nome dell’autore verrà in ogni caso sempre indicato.

Ai sensi della normativa vigente in materia, ciascun partecipante ha il pieno diritto di proprietà e di utilizzo delle immagini realizzate in occasione del concorso.

Le fotografie, a discrezione della Giuria, potranno essere esposte in una mostra e pubblicate nel sito www.fotoincontri.net e su tutti i social network dell’associazione.  

Art. 10

Esclusioni

Eventuali omissioni o inesattezze dei dati nella scheda di iscrizione od in ogni altra forma di documentazione richiesta a completamento dell’iscrizione potranno portare all’annullamento della partecipazione alla manifestazione.

Le fotografie in concorso non potranno essere pubblicate online (su forum, siti personali o social network) prima della premiazione. L’eventuale pubblicazione comporterà l’esclusione della/e foto dal concorso.

Art. 11

Responsabilità

L’autore delle fotografie è l’esclusivo responsabile del contenuto delle stesse.

Non sono ammesse immagini che possano ledere la dignità personale o danneggiare in qualsiasi maniera l’immagine ed il nome dell’organizzatore, degli sponsor, della pubblica amministrazione e di qualsiasi altro soggetto (persona fisica e giuridica).

Nel caso in cui vengano inviate immagini lesive di norme di legge, di diritti di terzi o anche solo inopportune, l’autore delle predette immagini manleverà in toto l’organizzazione del concorso e lo terrà indenne da qualsiasi pretesa, economica o meno, di terzi.

L’Organizzazione non è in alcun modo responsabile dei comportamenti e degli atti dei partecipanti.

I partecipanti sono tenuti a comportarsi in modo prudente e responsabile, nel rispetto delle regole sociali ed evitando di provocare disguidi alla viabilità o alla cittadinanza.

Art. 12

Giuria

La Giuria del Premio è composta da 3 esperti di fotografia.

La composizione definitiva della Giuria sarà in ogni caso comunicata ufficialmente nel sito www.fotoincontri.net

Art. 13

Valutazione delle fotografie

La Eyes Photo Marathon si svolge all’insegna dell’estemporaneità: la valutazione della Giuria privilegerà le immagini caratterizzate da spontaneità valutando il rapporto con i luoghi della manifestazione.

Art. 14

Premi

Premio Miglior Autore: buono acquisto € 200,00 (offerto dalle Botteghe di San Felice).

Primo classificato per ogni singolo tema: buono acquisto € 100,00 (offerto dalle Botteghe di San Felice).

Premi speciali per Under 14 ed Under 18.

La Giuria si riserva di assegnare ulteriori premi o, se lo ritenesse opportuno, di non attribuire tutti i premi previsti. I premi ulteriori verranno comunicati nel sito www.fotoincontri.net 

Tutti i premi sono personali e non cedibili e, se possibile, devono essere ritirati personalmente dai vincitori nel corso della cerimonia di premiazione.

I premi non sono cumulabili.

Art. 15

Comunicazioni

L’organizzazione del Concorso comunicherà con i partecipanti esclusivamente con messaggi di posta elettronica o SMS. È pertanto obbligatoria la fornitura da parte dei partecipanti di entrambi i recapiti.

Qualsiasi eventuale variazione verrà tempestivamente comunicata nel sito www.fotoincontri.net e direttamente agli iscritti.

Art. 16

Accettazione delle Linee Guida

La partecipazione al concorso implica la totale accettazione delle presenti Linee Guida.

Art. 17

Recapiti 

Photoclub Eyes E.F.I. – Via M. Montessori, 39 – 41038 San Felice sul Panaro (MO) 

tel. +39 3355969512  

maratona@fotoincontri.net  

www.fotoincontri.net

Galleria FIAF – “VISIONE INTIMA” di Ivano Bolondi

 

 

 

La “VISIONE INTIMA” di Ivano Bolondi

 

In oltre trent’anni di fotografia, Bolondi ha maturato uno stile inconfondibile che ha dimostrato, con “immagini che dicono più di quel che mostrano”, come la fotografia possa penetrare nei segni della realtà e svelarne i significati più segreti.

Egli ci ha mostrato le potenzialità della visione indiretta del mondo, attraverso il riflesso, la trasparenza, lo sfocato, l’ombra, il mosso, il frammento posto in relazione improbabile con il contesto. Con questa modalità creativa Bolondi ci dimostra come l’immagine, creata già allo scatto, possa registrare visioni che vanno oltre l’ordinaria percezione delle cose facendoci acquisire una visione intima della realtà.

La visione indiretta del soggetto è compiuta attraverso un mezzo occasionale, appartenente alla realtà ripresa, che attraverso gli effetti ottici ben visibili in macchina, come la riflessione, la trasparenza, la diffrazione, ecc…, presenta un aspetto trasformato delle cose. Concettualmente, compiere questa scelta, è come infrapporre un velo tra la fotocamera e il soggetto, questo è il velo dell’interpretazione. Interpretare un soggetto è scegliere il velo che ne trasforma l’immagine rendendola segno del sentire dell’autore. La “Visione Intima” non è quella diretta dell’occhio ma quella più profonda elaborata dalla mente, la quale dona valore all’immaterialità delle sembianze che si trovano nei riflessi, nelle ombre, ecc…, elementi normalmente ritenuti secondari.

E in questo stato di intenso trasporto espressivo che Ivano Bolondi crea immagini capaci di comunicare le proprie scoperte a chi guarderà le sue fotografie.

Silvano Bicocchi

Direttore del Dipartimento Cultura FIAF

 

 

Ivano Bolondi

nasce a Montecchio dell’Emilia nel 1941, dove ha vissuto con la moglie fino alla morte. Fotografa fin da ragazzo, frequenta le scuole primarie e subito dopo inizia a lavorare nell’officina meccanica di Guglielmo Melloni, figura importante che gli trasmetterà una formazione professionale e la passione per il viaggio, condivisa con Eugenia Baldi che sposa nel 1965 e con la quale girerà prima l’Italia e poi l’Europa, accompagnato sempre dalla sua inseparabile macchina fotografica.

Il rapporto con la fotografia si concretizza con l’acquisto della sua prima reflex all’età di 27 anni, che lo porta, insieme ad un gruppo di altri fotografi, a fondare il CINEFOTOCLUB DI MONTECCHIO, che si occupa della ricerca fotografica del territorio natale. La sua crescita espressiva avviene però frequentando il GAD (Gruppo Amatori Diapositive) di Reggio Emilia alla fine degli anni settanta, dove Bolondi trova un ambiente critico e creativo che gli permette di trovare un proprio stile e una particolare espressività che sarà alla base dei suoi futuri lavori.

Produce molti audiovisivi e inizia a girare per i circoli di tutta Italia, gli vengono riconosciuti molti premi, come i premi Nikon del 1982 e 1998, diventando così sempre più popolare.

Nel 1992 gli è stata conferita dalla FIAF l’onorificenza AFI (Artista Fotografico Italiano).

È stato designato dalla FIAF Autore dell’anno 2005

e Maestro della fotografia Italiana (MFI) nel 2007.

Muore ad agosto 2021.

Minicorso di Camera Obscura

il corso si terrà nel rispetto delle recenti disposizioni anti Covid


 

Camera Obscura

Camera Obscura

Minicorso di Camera Oscura
SVILUPPO e STAMPA in BIANCO&NERO

Tre lezioni teorico-pratiche, precedute da una serata pre-corso, sulla fotografia in bianconero, il trattamento del negativo e sulla stampa su carta argentica con i sistemi analogici basati sull'utilizzo di sostanze chimiche.

 

Lunedì 21 Febbraio ore 21.00
Serata dedicata alla fotografia analogica, propedeutica al corso di sviluppo e stampa che si terrà nei giorni 24 Febbraio e 3 Marzo e riservato ai soci del Photoclub Eyes. Attraverso la visione di immagini storiche svilupperemo alcune tecniche di ripresa peculiari della fotografia analogica facendo una panoramica delle fotocamere a pellicola che ancora sono in circolazione. Sarà un breve percorso alla riscoperta della slow photography per un approccio più meditato e consapevole alla fotografia.

Giovedì 24 Febbraio ore 21.00
La fotografia in bianconero, i generi fotografici, i filtri e le pellicole.

Giovedì 3 Marzo ore 21.00
Materiali per lo sviluppo e la stampa, sostanze chimiche, tecniche di manipolazione della pellicola, le fasi dello sviluppo del negativo e le variabili a disposizione per uno sviluppo mirato.
Ingranditore e strumenti per la stampa, le fasi della stampa, procedura corretta per il massimo controllo dei risultati, stampa creativa, trattamento dei materiali.

Date da concordare
- Uscita fotografica di "prove sul campo"

- Prove pratiche di stampa

 

A cura dei Dipartimenti Didattica e Camera Oscura

Fotoincontri 2021

Torna, dopo alcuni anni di stop forzato a causa dei noti eventi sismici del 2012, la manifestazione denominata FOTOINCONTRI che mancava da troppi anni ormai dal panorama dei festival fotografici.

Rispetto alle precedenti edizioni quest’anno è cambiata la location, vista l’inagibilità della trecentesca Rocca Estense, tradizionale luogo degli incontri, le attività si svolgeranno prevalentemente all’interno del restaurato ex Convento San Bernardino (vedi slide-show) in via San Bernardino a San Felice sul Panaro (MO).

Vista l’attuale situazione epidemiologica che sta causando parecchie restrizioni a causa dell’emergenza sanitaria, il programma della manifestazione è stato snellito puntando tutto sull’organizzazione della 12^ edizione del “Portfolio in Rocca” concorso fotografico nazionale per lettura portfolio e varie mostre ospitate anche nei negozi vuoti che ancora non hanno ripreso l’attività commerciale nel centro di San Felice sul Panaro.

Galleria FIAF – “UNA BUONA ANNATA”

locandina_unabuonaannata-web

 

Una buona annata é un lavoro collettivo che intende rappresentare i contrasti, i sogni, l’entusiasmo e le difficoltà del mondo giovanile utilizzando come fil rouge tra le immagini una bottiglia. L’oggetto selezionato ha vari significati all’interno della rappresentazione: allegoria, metafora ma anche elemento ambientale che possa immergere lo spettatore all’interno della quotidianità.
Le nuove generazioni si raccontano, esplorando con il loro sguardo il complesso microcosmo di una società difficile,
abbattendo ogni frontiera e pregiudizio. Ciò che emerge é il frutto di un nuovo sguardo, più fresco e immediato, il cui linguaggio é caratterizzato dall’influenza dei nuovi media.
I giovani autori riflettono sulla loro società ma anche sulle nuove tecnologie e sul ruolo della comunicazione che con i social network ha modificato le relazioni umane e il contatto con il mondo esterno. Se le distanze si sono accorciate
e anche la percezione del tempo é basata su una frenetica immediatezza, i nuovi media hanno amplificato il vuoto esistenziale generando alienazione e una difficile convivenza con sé stessi.
La fotografia diventa testimonianza e riflessione, sussurri e grida di protesta e soprattutto la ricerca di contatto con le vecchie generazioni.

Francesca Lampredi
Lettrice FIAF

Il Collettivo EYESYOUNG, costituitosi nel Giugno del 2017, é composto da tutti i soci under 29 del PHOTOCLUB EYES BFI di San Felice sul Panaro (MO) e conta ad oggi 12 ragazzi, tutti tesserati FIAF. I corsi di fotografia tenuti ogni anno nonché la voglia dei giovani di avvicinarsi al mondo della fotografia hanno fatto sì che il gruppo dei giovani soci del PHOTOCLUB EYES BFI crescesse rendendo anche necessaria l’istituzione di un Dipartimento interno a loro dedicato. Tale Dipartimento, il cui Direttore é Andrea Scacchetti, aumenta numericamente ogni anno dando nuova linfa al club che con orgoglio continua ad alimentare la loro voglia di migliorarsi e crescere.
Il Laboratorio, il cui responsabile é Paolo Ferrari, viene realizzato con cadenza biennale, argomentando un tema di attualità o una materia di interesse collettivo. Al termine del laboratorio, ogni due anni, il progetto realizzato dà vita ad una mostra dedicata.

Paolo Ferrari
Responsabile Laboratorio EYESYOUNG

 

Ambiente Clima Futuro – Laboratorio

Lunedì 5 Ottobre

alle ore 21,15 circa

presso la sede del Photoclub Eyes

in Via Montessori, 39 a San Felice sul Panaro (MO)

 

Incontro del laboratorio per parlare del progetto nazionale FIAF dal titolo AMBIENTE CLIMA FUTURO e per visionare i primi lavori in corso di preparazione degli aderenti al progetto.
Rinnovo l’invito a leggere l’articolo relativo al progetto su Agorà Di Cult FIAF, dove potrete trovare numerosi spunti per i vostri scatti e per decidere insieme quale tema affrontare.
Chi ha già materiale da proporre , condividere dl corso della serata potrà portare o la bozza delle stampe o i file da proiettare.

Chiunque volesse partecipare dovrà prenotarsi nella chat di WhatsApp dedicata al Progetto 

Chi non è ancora stato inserito nella Chat potrà farsi aggiungere inviando un messaggio a

Luca Monelli Tel. 335 5969512

acf0001

Luca Monelli
B.F.I (Benemerito della fotografia Italiana)
Direttore Galleria FIAF San Felice sul Panaro (MO)
Tutor fotografico
Coordinatore LAB Di Cult 086 FIAF

Incontro con l’autore – GIULIANO REGGIANI

119992273_767692420630992_6422985213146753756_o

Lunedì 28 Settembre alle ore 21.30
presso la sede del Photoclub Eyes BFI
in Via Montessori 39 a San Felice sul Panaro (MO)

incontro con

GIULIANO REGGIANI

socio del Photoclub Eyes

presenta Antonio Guicciardi

ingresso gratuito

… foto tratta da “Sensation Seeker” di Giuliano Reggiani che è il lavoro Secondo classificato al «29° Premio Portfolio W. Colonna» organizzato dall’”Associazione Fotografica Cultura e Immagine” e dall’ “Associazione Savignano Immagini” di Savignano sul Rubicone nell’ambito del «29° SI Fest Savignano Immagini Festival», ottava tappa del circuito Portfolio Italia – Gran Premio FULIFILM, con la seguente motivazione: “Per la sensibilità espressa, per la capacità di entrare in un mondo chiuso, abitato da chi, con convinzione, ricerca esperienze estreme, al limite, nella convinzione di un cammino spirituale personale. Per l’abilità reportagistiga e l’impegno profuso.”
La sinossi dell’Autore: “Da sempre l’uomo ha sentito la necessità di determinare la propria affermazione tramite esperienze, spesso estreme, sotto forma di “riti di passaggio”. Questi riti, di qualsivoglia natura (sociale, religiosa, spirituale, personale) hanno lo scopo di sancire la transizione da una forma di “normalità” a una condizione ritenuta più alta, diversa, in qualche modo migliore. Nella società contemporanea sono sempre meno i “riti” imposti e sempre più quelli liberamente scelti. Ma, cosa cercano, oggi, gli individui che li praticano? Inseguendo sensazioni ed esperienze estreme, essi vanno alla ricerca di una loro collocazione in una scala di valori. Le domande che si pongono sono: quanto valgo? Cosa sono in grado di fare? Fin dove posso oltrepassare i limiti ritenuti “convenzionali”? Spingersi all’estremo è una sfida ritenuta necessaria per affrontare sé stessi, sotto gli occhi degli altri. Attraverso la ricerca dei limiti, l’individuo indaga le proprie caratteristiche, impara a riconoscersi e a farsi riconoscere.”